COME AFFRONTARE LA DEPRESSIONE E USCIRNE: UN AIUTO ONLINE.

Quando parliamo di depressione ci riferiamo ad uno stato di profonda tristezza e/o all’incapacità di provare piacere. William Styron la descriveva come “..una disperante, stagnante paralisi dello spirito, al di là di qualunque sensazione avessi mai provato o anche solo immaginato si potesse provare..”.

Da dove nasce la depressione?

La depressione ha numerose origini. Tralasceremo l’approccio più comune che è quello biologico, che lega la depressione ad un’alterazione biochimica, per collegarci invece ad un approccio meno conosciuto, che associa la depressione ad un’alterazione dei pensieri, delle emozioni, dell’anima.

  • Il primo seme della depressione è generato dai traumi prenatali. Ad esempio, se nasciamo da una madre depressa, difficilmente accade che a livello energetico quello che ci arrivi sia la positività o la felicità.

  • Il secondo è il trauma di nascita, se avviene in maniera più o meno cruenta.

  • Poi abbiamo delle altre fasi, legate al post-partum – se vi è stata una gravidanza precoce con relativa ospedalizzazione ed isolamento o meno -, all’allattamento e all’educazione – se abbiamo avuto genitori accoglienti ai nostri pianti e alle nostre angosce notturne o diurne, o al contrario poco attenti, arrabbiati ed ostili ai nostri bisogni -. Ne deriverà, dunque, in questo secondo scenario, la presenza di carenze nella nostra anima, degli spazi scuri.

    Poi naturalmente vi sono tutti gli eventi successivi della nostra vita come matrimoni finiti male, litigi tra i genitori, infelicità familiari, storie difficili, malattie e così via. Fino ad arrivare a situazioni recenti dove è possibile incontrare la depressione per cause oggettive, come ad esempio la perdita del lavoro.

    Quindi quali sono le risposte da dare in questo caso?

    Sono molteplici, partiamo da risposte in tema di regolazione dei pensieri, il creare e sviluppare la pratica quotidiana di dialogo interno che crei una corazza per la depressione.

    Possiamo iniziare a modificare le parole che utilizziamo: se siamo soliti proferire farsi come – Non ce la farò mai – , questo avrà un impatto su di me negativo, rispetto al pensiero – Io posso farcela -.
    Oppure –Mi va tutto male nella vita-, piuttosto che il proattivo –Ho avuto delle difficoltà nel passato

Dunque, ispirandoci a Milton Erickson e alla programmazione neurolinguistica, vediamo già come esistano delle accortezze per “ingannare” i nostri stati negativi.

Andremo poi a cercare delle soluzioni sul piano emotivo, con l’obiettivo di creare nuove esperienze emotivamente soddisfacenti, sia coinvolgendo il mondo esterno (viaggi, attività positive, contatti con persone piacevoli) ma soprattutto il nostro mondo interno, focalizzandoci su noi stessi attraverso la meditazione e le tecniche di respirazione, che ci permettono di raggiungere finalmente degli stati di equilibrio, di felicità e di benessere.

Questo tipo di esperienze, vanno a costituire così una resistente corazza che garantisce un’ottima resistenza nei confronti degli stati depressivi.

Rivolgendo l’attenzione al nostro corpo, e abbinando alla meditazione il counselling (e perché no l’osteopatia!), possiamo invece andare a guarire i nostri traumi prenatali, perinatali, postnatali – epoche in cui la nostra parte verbale non era ancora ben sviluppata.

L’abbinamento di queste tecniche, frutto della mia esperienza decennale, permettono così di raggiungere i più profondi stati emotivi, guarendo dolori e angosce radicati nel nostro più lontano passato.

In questo modo potremo permettere alla nostra anima di compiere il suo cammino. Ricordiamo che ognuno di noi è sulla terra con uno scopo, un obiettivo di crescita, felicità e realizzazione.
Se non rispettiamo questo bisogno primario, e ci ostiniamo a rimanere aggrappati alle nostre false sicurezze e ai nostri falsi attaccamenti, ecco che inizieremo a soffrire, e potremmo ammalarci per questo.

È importante aver cura della nostra anima e dei nostri bisogni più profondi. È questa la risposta più valida nei confronti della depressione!

INCONTRI ONLINE

Questa iniziativa parte da un’esigenza e una volontà di adattamento alla situazione surreale che stiamo vivendo, a questi giorni che ci limitano nel contatto con l’esterno e con gli altri ma che possiamo sfruttare a nostro vantaggio per focalizzarci su noi stessi e per dare inizio sia ad una crescita personale che ad un miglioramento della nostra vita.

COME E QUANDO SI SVOLGONO GLI INCONTRI?

Gli incontri saranno fatti sulla piattaforma Zoom, facilmente scaricabile gratuitamente sia sul vostro pc che sul vostro smartphone o tablet. Il corso partirà Giovedì 14 Gennaio. A partire da questa data ogni Giovedì sera dalle 18 alle 19.30 ci sarà un incontro per la durata totale del corso di 10 incontri. Il gruppo di partecipazione è a numero chiuso per poter permettere una maggiore empatia e la massima attenzione nei confronti dei partecipanti.

QUANTO COSTA?

Il corso ha un costo complessivo di 230€. VUOI RISPARMIARE?ISCRIVITI ENTRO IL 15 DICEMBRE! A tutti coloro che si iscriveranno entro questa data sarà infatti riservato uno sconto speciale: il costo complessivo del corso sarà di 200€. In entrambi i casi la somma totale sarà da versare interamente entro 15 giorni dalla data di inizio degli incontri.

COME FACCIO SE PERDO UN INCONTRO?

Abbiamo valutato l’ipotesi che qualche partecipante possa perdere un incontro e abbiamo trovato la soluzione. La piattaforma che utilizzeremo ci permetterà di registrare gli incontri in modo tale da poterli passare sotto forma di file al partecipante assente che potrà così assistere all’incontro in un secondo momento senza però poter intervenire.

“CHIEDERE AIUTO E’ UN ATTO DI CORAGGIO”: TROVA IL CORAGGIO DI RIPARTIRE DA TE STESSO

 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email