Pensiero sulla meditazione di Omraam Mikhael-Aivanhov

Creative Commons Attribution-Share alike 2.0 Generic license - Author Sarunas Burdulis
Creative Commons Attribution-Share alike 2.0 Generic license – Author Sarunas Burdulis

Condivido con voi stamattina questo pensiero che mi fa capire perché in certi giorni la meditazione sembra neutra o incredibilmente difficoltosa o addirittura deleteria – e certi altri invece fonte di liberazione straordinaria.

Come in tutto ciò che prevede il superamento dei limiti personali per andare nel transpersonale, la stabilità della propria condizione psicofisica rispetto a lavori come la meditazione, il sogno lucido, il rebirthing ecc è condizione di base. La psicoterapia si collocherebbe quindi in quella precisa fascia che prepara una persona a ciò che sta oltre l’apparenza della vita – i passi successivi fanno fatti con altri strumenti. 

Se invece si salta a più pari questo passaggio, si possono fare esperienze non proprio piacevoli. 

All’interno della psicoterapia, se non si lavora sulla dimensione dell’infanzia, ci si sta prendendo in giro.

Ecco quindi le parole di questo Maestro

Buona lettura

AD

 

« Esistono diverse vie per accedere al mondo spirituale, e la meditazione è una di queste. Attualmente la pratica della meditazione si diffonde sempre più, ma tale pratica può essere benefica solo per chi è cosciente del fatto che essa esige una grande disciplina interiore, vale a dire la padronanza dei pensieri, dei sentimenti e dei desideri, altrimenti ci si limiterà a vagare nelle regioni inferiori del piano astrale. Là, al proprio passaggio si smuoveranno strati oscuri di ogni genere, popolati da entità spesso ostili agli esseri umani, e si correranno gli stessi pericoli cui andrebbe incontro una persona imprudente che volesse attraversare di notte una foresta infestata da tigri e serpenti.
La pratica della meditazione necessita quindi che si cominci con l’addomesticare e orientare le proprie diverse tendenze psichiche, al fine di avere un unico obiettivo: perfezionarsi. Questo deve essere chiarissimo. A partire dall’istante in cui saprete accordare i vostri pensieri, i vostri sentimenti e i vostri desideri con quel diapason che è l’idea di perfezionamento, le esperienze che farete nel vostro mondo interiore saranno realmente benefiche. Altrimenti questo esercizio tanto utile e salutare può diventare per voi un’avventura rischiosa. »