I guardiani del karma

C’è chi ha come destino quello di fare il Giuda.

Tradire i fratelli e le sorelle per 30 denari.

Questa commedia permette al dramma della vita di proseguire e all’anima di trovare la propria strada di ascesi e purificazione, aldilà dei facili concetti di bene e male, giusto e sbagliato, buono o cattivo.

Ma forse potremmo iniziare a dare una mano alla nostra anima smettendo di credere al dramma.

Noi non siamo ingenui come pensiamo, Giuda non è così astuto come sembra, le menzogne sono più limpide di quello che il nostro emisfero cerebrale sinistro vuole farci credere.

Poi forse non potremo evitare la crocifissione.

Ma lo faremo forse con lo stesso spirito di servizio e umiltà che ci ha illuminato per migliaia di anni.

Il male invincibile crolla così sotto lo stesso suo peso, nell’ultimo millimetro in cui poteva vincere.

Tutto si gioca in quei pochi istanti.

Una delle preghiere da fare è forse anche questa: di essere all’altezza di quell’ultimo millimetro.

Perchè i Giuda ci saranno sempre, l’ingiustizia anche, l’odio pure – e pure il momento di perdere tutto – Giuda o non Giuda.

A.